Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


Articles on this Page

(showing articles 121 to 123 of 123)
(showing articles 121 to 123 of 123)

Channel Description:

Thoughts of the FSFE Community (it) - http://planet.fsfe.org/it

older | 1 | .... | 5 | 6 | (Page 7)

    0 0

    TIM e Vodafone già inseriscono costi di attivazione pari al costo del modem.

    Mentre i clienti lo aspettavano, gli operatori si sono già organizzati.

    <figure></figure>

    Il tanto atteso modem liberoè finalmente realtà. L’AGCOM ha approvato una delibera che fa in modo che gli operatori non possano più imporre i propri modem e quindi anche i famosi costi di noleggio e/o di acquisto, consentendo un risparmio in bolletta. Ma è davvero così? Proprio no.

    Già da tempo, infatti, i nostri amici sono già corsi ai ripari imponendo costi di attivazione pari (se non superiori) a quelli che comportava l’acquisto e/o noleggio del modem. Il modem (che alla fine vale sempre poco e niente, rispetto ai costi sostenuti) viene offerto in comodato d’uso gratuito.

    TIM ti fa pagare il servizio TIM Expert, ad un costo di 5,90€ al mese per 48 rate o varie altre formule di rateizzazione, per un costo totale di 283,20€. Vi ricorda mica il costo del router. Noooooo…..

    Vodafone, invece, costringe al pagamento di un costo di attivazione variabile che nella maggior parte dei casi (in assenza di offerte speciali e sporadiche differenti) ammonta a 5€ al mese per 48 mesi. Stessa cosa di sopra.

    Fastwebè l’unico che nella maggior parte dei casi non fa pagare costi di attivazione, tranne per l’offerta con Sky.

    Infostrada (Wind Fibra) non si è ancora adeguata alla normativa e riporta ancora il costo del modem di 2 euro al mese per 48 mesi, così come 3fibra (sempre Infostrada)

    Insomma, alla fine ci sono gli stessi costi e gli operatori hanno trovato un altro modo per farci pagare quello che spacciavano per modem libero.


    0 0

    Dopo i Cookie sulla TV non poteva non arrivare questo. Alcuni telefoni economici hanno degli AD nelle schermate di sistema.

    Il business model di alcune società è parecchio variegato e tra i settori di business rientra naturalmente la pubblicità, il motore che sino a poco tempo fa faceva girare l’economia del web. Poi si ha incominciato ad esagerare e sono arrivati gli adblocker e sappiamo tutti com’è finita. C’è però un tipo di pubblicità che non si può bloccare. Xiaomi ha deciso di includerla nel proprio business model. Voi mi direte, com’è che i telefoni cinesi costano così poco? Anche grazie a cose del genere.

    <figure><figcaption>Fonte: Imgur</figcaption></figure>

    A quanto pare, la maggior parte delle App di Sistema contiene gli annunci e non c’è niente che si possa fare a parte scegliere un’altra marca o uno Xiaomi edizione con l’OS Google Stock, che non dovrebbe contenere né modifiche né ADS.

    Questa condotta commerciale a lungo andare a cosa ci porterà? A popup che appaiono sullo schermo mentre chiamiamo? Ricordiamoci che il telefono è e rimane comunque di nostra proprietà perché pagandolo è diventato nostro, anche se terribilmente economico. Ci dovremmo quindi ribellare a questo tipo di pratica commerciale, però continuiamo ad accettarne le EULA. Ma c’è sempre la possibilità di installare un altro OS. 😆

    Alla fine, però, queste aziende potrebbero decidere di cambiare le condizioni di vendita, in un modo o nell’altro, ed imporre determinate clausole, tra cui quella di non poterne fare quello che ne vogliamo. Rifletteteci su.


    0 0

    Ciao! Tra poco conto di fare una nuova guida che parli di una delle nuove soluzioni per fare bot, dato che AltervistaBot è deprecato. Aggiorno rapidamente questa con i link nuovi e l’avviso. La base la trovi su http://t.me/AltervistaBotIT/36


older | 1 | .... | 5 | 6 | (Page 7)